DC ACS BLOG - Davide Cocco Blog, B\Logu

SrdN Davide Cocco ...Kirkende, Agattasa...
Srdn Davide Cocco
Una Storia Antica e Sconosciuta, Una Civiltà Ignorata e Nascosta,
La Civiltà Sarda delle Antiche Madri, Janas/Hanas Fitzas de Hala, Maistras Tutrici dei Popoli, e dei loro figli...
Nuraghe, Tombe dei Giganti, Domus de Janas, Dolmen, Menhir, Cart Ruts, Pietre Scritte, i loro strumenti...
La Terra dove L'Acqua Scorre Calda e il Suono si InFrange,
Padre, Madre, Figlio, e Spirito Sardo, AMuin!
Horra Nai Flush Muin Do
Vai ai contenuti

Marsala, città del sol levante

Davide Cocco Blog, B\Logu
Pubblicato da davide cocco in orientamento · 20 Febbraio 2021
Tags: janassardiniamarsalacartaginecagliarinavigazionesarda
Veloce veloce, come sempre.
In sintesi,
a Marsala, città #sikana (siciliana),
ovvero si/hana, ovvero acqua/madre, ovvero sh/jana.

A marsala, città sikana sul mare, posta a 3mt sul livello del mare,
trovano in una via vicino al mare, delle tombe inviolate.

Dichiarate subito romano puniche, si trovano a 5/8 metri sotto il livello della strada, ovvero 2/5 metri sotto il livello del mare attuale.
Come avevamo visto per le terme cosiddette romane di cagliari..


la prima domanda che mi viene in mente, è sempre “perché, tutte le cose antiche sono sepolte..?
8 metri sono tanti…
le terme di cagliari, per esempio, erano pressoché integre, e sepolte, non rase al suolo per costruirci sopra, ma sepolte per intero..
anche lì, 6/8 metri di terra..
e stessa domanda : da dove sono arrivati tutti questi sedimenti?

Posto però che nessuno risponde, ma nessuno nemmeno seppellisce nessuno in buchi sul fondo del mare,
si deve supporre che tali stanze fossero all’asciutto, quando costruite, e quindi li, il mare non ci fosse, quando hanno scavato queste cosiddette tombe.

Ovvero seguendo la curva dei livelli del mare in funzione delle glaciazioni,
dai 2mila circa per le più alte, ai 5mila circa per le più basse, anni fa.
Quindi già, “tombe puniche” ci appare strano che siano.

Ma poi, chi è che si fa un cimitero tra la città e il mare?
Normalmente il cimitero si fa alle spalle, della città, magari su una collina..
Questo sarebbe possibile se marsala (MRSL) fosse stata edificata un po’ più in avanti.
Ma un po’ più in avanti  c’è il mare, dove incontriamo subito la linea batimetrica dei 20metri, ovvero circa 10mila anni fa, e subito subito quella dei 50 metri, circa 12mila anni, ma vicino c’è anche quella dei 100metri, da 15 a 30mila anni fa..
Se marsala fosse stata più avanti, come il ritrovamento fa pensare, la città dovrebbe avere tra i 10 e i 30 mila anni.
Sti punici impudici, sempre a rivoluzionare tutto..

Certo però che però, fa il paio con la nave di 9 mila anni fa trovata in Sicilia, e fa il paio con la navigazione sarda di 10mila anni fa (ossidiana e ceramica cardiale, le prove)..

Ecco, così va meglio. La batimetrica dei 20 metri forma un promontorio con Favignana, e Marettimo isolotto di riparo, esattamente come a cagliari era S. Elia, isolotto staccato dalla costa..

La linea dei 50 metri già va a circondare la Sicilia, e quella dei 100 metri quasi a chiudere gli spazi fino a quasi a chiudere il canale di Sicilia..

Dieci mila anni fa, ci possiamo accontentare.
I Sardi che portavano in giro l’ossidiana, un porto in Sicilia, o Sikana/Sijana, che scritto così, tradisce l’origine “o/sidiana”, potevano ben averlo, no?

Forse quindi non erano costruzioni puniche in senso modernamente inteso, ma puniche forse si, se ricordiamo che “punico” ha la stessa origine di “phenikos”, fenicio, e che Cartagine era CartaJana, la città delle Janas.


e in effetti la rotta per Cartagine da Marsala è davvero interessante.
Infatti navighi verso Cartagine seguendo il tramonto del solstizio d’inverno
E navighi da Cartagine seguendo l’alba del solstizio d’estate.
Mi pare che un caso non possa essere ..

Tanto che andando a controllare, navighi da marsala verso la città principe delle janas, karalis (K/RLS, quasi M/RSL)
Da capo Boeo a Marsala a Capo Boi vicino Villasimius, stesso nome,
seguendo il tramonto del solstizio d’estate, e viceversa, verso Marsala da capo Boi a capo boeo, al sorgere del solstizio d’inverno

insomma, le città delle donne, Karalis e Kartajana, verso i tramonti, dove muore il sole, che morendo dona i suoi raggi più nutrienti,
come raccontavano anche i miti egizi, il luogo dei progenitori,

e marsala e la sicilia/sikania, diventa “paese del sol levante” ante litteram. Città nuova, come nuovo è il sole che  sorge..
da kalaris a Marsala, lasciando la Shja, dietro di se..

da ovest, (ou est, dove c’è l’uovo, in sardo) verso est, come avevamo visto anche per il Cairo/Gairo che sarà edificato sulla pranu hitza, la piana delle figlie, la piana di giza, oggi chiamata..


quindi,

M, madre, R calore, S acqua, L sorgente.  MaRSaLa.
Se teniamo a mente che l’altro paese del sol levante il Giappone, aveva una Amaterasu primordiale dea sole, di cui abbiamo parlato anche in Sardegna,


(oltre alle altre affinità culturali tra Sardegna e Giappone) ,
Marsala diventa facilmente il paese che raggiungi seguendo “madre sole che sorge dall’acqua”, no?

Naturalmente, se vivi fra le donne..

E non è un caso neppure poi che da Cartajana ci sia invece una rotta sui 330 gradi, l’angolo delle madri,


ma anche asse maestrale, (il vento delle Janas Maistras) / scirocco,


una rotta sui 330 che unisca lei con Cabras, monte prama, sardegna, passando da kalaris,  e s. sperate, dove pure fu trovato un frammento di statua delle Gigantesse,

fino a Cabras, attraversando tartesso..


insomma..

che secondo me, quelle, non sono tombe “puniche”, comunemente intese.
Era un messaggio subliminale..
Ma spero sia arrivato..

____________________________________________________________________________

"condividere libera mente"
"Janas Sardinia, quello che per gli altri popoli è mito, per i Sardi è Storia. Scritta".
CC BY-NC-ND 4.0 creative common non commerciale, marca temporale depositata davide cocco, condivisione libera.


po is photos cliccai innoi..



Torna ai contenuti