Madri Gigantesse Da Mont'e Prama al Nurestan

SrdN Davide Cocco ...Kirkende, Agattasa...
Srdn Davide Cocco
Una Storia Antica e Sconosciuta, Una Civiltà Ignorata e Nascosta,
La Civiltà Sarda delle Antiche Madri, Janas/Hanas Fitzas de Hala, Maistras Tutrici dei Popoli, e dei loro figli...
Nuraghe, Tombe dei Giganti, Domus de Janas, Dolmen, Menhir, Cart Ruts, Pietre Scritte, i loro strumenti...
La Terra dove L'Acqua Scorre Calda e il Suono si InFrange,
Padre, Madre, Figlio, e Spirito Sardo, AMuin!
Horra Nai Flush Muin Do
Vai ai contenuti

Madri Gigantesse Da Mont'e Prama al Nurestan

Davide Cocco Blog, B\Logu
Pubblicato da davide cocco in archeo logica · 31 Agosto 2021
Tags: monte_pramajanasgigantesse
ShaMua, Madri e Gigantesse...
EFFIGE FUNEBRE IN LEGNO INTAGLIATO DI UNA DONNA SEDUTA CON CAPPELLO A DOPPIA CORNA, 1880 (C)

legno lucidato e tinto (forse calce), realizzato in Kafiristan, 1880 (c).

Questa statuina in legno fu acquistata dal tenente generale Frederick Roberts durante la seconda guerra afghana (1878-1880).

Il Kafiristan (ora Nurestan) era una regione al confine tra l'Afghanistan e Chitral nell'India britannica (ora Pakistan).

Gli abitanti di questa zona montuosa erano pagani e praticavano una forma di sciamanesimo che adorava diverse divinità e aveva alcune somiglianze con lo zoroastrismo.

I loro vicini musulmani li chiamavano "kaffir" (infedeli).

Lo stesso Kafiristan era il termine persiano per "terra di infedeli".

Le pratiche religiose e culturali dei Kaffir erano quasi indistinguibili dal popolo Kalash di Chitral.
I due non furono formalmente separati fino alla stesura della Linea Durand nel 1893.
I Cafri sul lato afghano del nuovo confine furono perseguitati e convertiti con la forza all'Islam negli anni che seguirono e molti fuggirono a Chitral per raggiungere i loro cugini Kalash, i cui discendenti vivono ancora oggi in poche comunità isolate.
_______________________


l'uguaglianza iconica e di genere con le Gigantesse di Mont'e Prama e di conseguenza coi bronzetti sardi,
è strabiliante,

evidentemente nella memoria Afgana,
che le rappresenta come donne,
permane la conoscenza dell'identità di genere legata a tale rappresentazione...

aggiungiamo l'uguaglianza lessicale tra il toponimo Afghano "Chitral" e il toponimo Sardo "(Bidda) Chitru", Villacidro, (che cidru-cirdu = "duro, inammovibile", non "limone")

sommiamo l'altro toponimo, "Kalash" Afghano con il Sardo "Kala(ri)s", ma anche con il terrmine "Kalasciu"/"cassetto", usato ancora oggi a Cagliari.. (Hala, madre + Sh, acqua = Halash/Kalash, "cassetto/contenitore" - madre come contenitore di acqua/vita)

moltiplichiamo per Kaffir/Caffiero, che è invece cognome campano/pugliese, terre che con la Sardegna erano legate a doppio filo, ma (ricordando l'intercambiailità in sardegna di b/v/f, e r/l), potrebbe avere origine dai "Cabbilli" sardi che diventano Kaffilli/Kaffir, per alcuni etimo sardo legato alla montagna, e termine usato oggi con la G iniziale, "Gabbilli", per indicare "persone poco fini", "montagnini", direbbero in nord italia..

ma che forse in montagna ci facevano pure il Caffè (magari sul vesuvio, che il caffè napoletano è impareggiabile!...)

aggiungiamo la variabile "Kafiristan "Terra di Kafir" da sempre terra di montagna, oggi si chiama Nurestan "Terra di Nure"",

e ita bolleis a si nai (...che ve devo dì) ...

Janas Maistras, Gigantesse di Mont'e Prama,

"Quello che per gli altri popoli è mito, per i Sardi è Storia, scritta."

il risultato dell'equazione, calcolatelo voi..

ma secondo me fa "i giganti di mon'e prama rappresentano delle donne, antiche Janas..

io mi faccio un caffè..


___________________________________________

"condividere libera mente"..
cc by-nc-nd-4.0, creative common non commerciale, marca temporale depositata davide cocco, condivisione libera



Torna ai contenuti